giovedì 22 febbraio 2018

Le mani di mio padre




Tocco le tue mani.
Come strade impervie
le vene segnano la pelle.
Sono sentieri scoscesi,
s’ inerpicano
 lungo le nocche nodose.
Le unghie perlacee,
sono  simili a laghi,
tormentati da venti imperiosi
che tagliano la nuova linfa.
Osservo i palmi.
Sono morbidi
come cute di bimbo,
lisci come implumi  pennuti.
Li accarezzo,
ricordo si poggiavano
 sul mio capo
per poi lasciarsi ricadere.
E’ passato tempo da allora,
ora, le tue mani immobili
aspettano protezione.
Sono le mie mani
 ad accarezzare il tuo capo,
ad aiutarti nel quotidiano affanno.
L’amore ricevuto è ricambiato.
Risultati immagini per immagini padre anziano

Ricordando mio padre


Notte




Porgevo gli orecchi
 ai suoni d’amore,
ai sospiri inghiottiti
che laceravano il mio silenzio.
Nel riverbero della luna,
mani s’intrecciavano
scoprendo  pieghe recondite
di corpi conosciuti.
Gambe si accarezzavano,
i sensi all’erta
 appiccavano  passione.
La lingua adulava
labbra turgide,
si dissetava di sudori d’incenso.
Le palpebre schiuse
spiavano il volto agognato.
Lenzuola si attorcigliavano
al corpo desioso,
simili a serpenti danzanti
nei  sussulti d’amore.
Poi, gli occhi sfuggirono
al sogno proibito,
il vuoto mi inghiottì.
Nessuno accanto.
Desiderai,  inutilmente,
il perduto amore.
 Risultati immagini per immagini della notte

lunedì 12 febbraio 2018

Per un amico

Chiesi aiuto,
nessuno mi rispose.
Afferrai  il cellulare,
cadde a terra,
troppo lontano.
Urlai e urlai,
ma la voce era un sussurro..
Attorno solo vuote pareti,
silenziose sedie,
porte sbarrate.
Cercai d'alzarmi
ma il dolore era forte,
le braccia non risposero,
le gambe neppure.
Allora m'abbandonai.
Chiusi gli occhi
e mi fecero compagnia i ricordi.
Ritrovai il mio primo amore
le cui labbra si schiudevano
 su un sorriso...
Rividi campi da calcio
in cui un pallone
 atterrava ai miei piedi...
Degli amici mi vennero incontro,
i loro volti sfocati.
Poi... mia madre
m' abbracciò,
mi prese per mano.
Mi disse "Non temere"
e come un bambino
mi lasciai condurre
nel regno del poi.
Nuccia
Risultati immagini per immagine morte

mercoledì 31 gennaio 2018

Nel mio silenzio


Non temo il silenzio,
il nulla...
Sempre voci amiche
m'accarezzano il cuore.
Lievi sussurri di frasi proferite,
ascoltate,
a volte
inesorabilmente
ingoiate...
Parole balbettate,
pianti accennati,
amori pronunciati.
...E ritornelli cantati,
frasi lette,
sottolineate,
ripetute,
turbinano nella mia mente.
Ad esse associo volti,
di chi s' accosta
sulla mia strada,
di chi si è affacciato per poco
o di chi per lungo tempo,
m'ha tenuto per mano
o, a volte, consapevolmente
strattonato.
Il mio silenzio
è colmo di suoni,
non li temo,
fanno compagnia.
Hanno il colore
della vita mia.
Nuccia

L'immagine può contenere: una o più persone, cielo, natura e spazio all'aperto

sabato 27 gennaio 2018

Per non dimenticare


Un cappotto abbandonato,
scarpe scalciate,
sedie rovesciate,
la porta scardinata, a terra...
Quale tempesta ti ha travolto
Che tornado ti ha risucchiato
per allontanarti da ciò che ami?

Non sono fuggito,
l'odio mi ha rapito.
Mi ha strappato dalla mia casa,
dalle sicure braccia della famiglia
per gettarmi nel dolore più profondo,
nella fame, nella disperazione.
Non conosco la mia colpa,
appartengo alla razza umana,
ma loro non lo sanno.
Morirò per questa ignoranza.
Nuccia

 Immagine dal web rastrellamento 1943
 

mercoledì 10 gennaio 2018

ININTERROTTI ANNI



Ininterrotti anni

 d’esperienze provate.

Vissuti  d’amore,

improvvisi palpiti, 

aneliti sperati,

traguardi raggiunti,

sofferenze sfidate

 e poi 

carezze di bimba a 

riportare emozioni sopite

vissute in altri  anni,

ti rammentano che la vita

è bella ad  ogni età.

sabato 30 dicembre 2017

Amore puro




E’ un amore unico,
 non tutti lo comprendono.
Non nasce da inutili discorsi,
parole o acquisti.
Non scaturisce da gesti compiacenti
o falsi assolvimenti.
E’ un amore puro,
ti viene donato,
 a volte non lo meriti.
Tutto ti perdona,
questo amore,
assenze, sgarbi, nervosismi.
E’ un amore che sa attendere
una semplice  carezza,
uno sguardo affettuoso,
una passeggiata improvvisa.
E’ un amore che non giudica,
accetta senza remore.
Forse, noi umani,
dovremmo imparare dai cani
come si ama.
Nuccia
Risultati immagini per immagina zampa di cane