martedì 25 novembre 2014

La favola di Mosca Rosa.



Coccinella Rossa era davvero unica, si pavoneggiava da mattina a sera “Guardate come sono bella!”Effettivamente era davvero carina. Gli altri insetti la guardavano con meraviglia ed invidia. Si mormorava che portasse fortuna o almeno così dicevano gli umani! Mosca Rosa, sua amica, le voleva bene ma non poteva fare a meno di notare la differenza: se era lei ad avvicinarsi a un bambino veniva subito scacciata, se lo faceva Coccinella Rossa erano subito dolci parole “ Deliziosa, non la mandar via, porta bene!” Già tutti erano per il rosso insetto, per Mosca Rosa niente eppure... lei voleva essere amata, guardata con simpatia, invitata nelle case degli uomini, invece di essere regolarmente scacciata. Un giorno era appoggiata al vetro di una finestra ed osservava con simpatia un piccino che giocava con una coccinella di plastica, (già anche i giocattoli facevano!) Si accorse di un losco signore che si avvicinava alla pappa del bimbo e ne versava, da una bustina, un contenuto polveroso, poi alla chetichella, si allontanava. Quel' uomo era sospetto!Qualcosa non quadrava, se fosse stato veleno il bimbo sarebbe morto!Cominciò a svolazzare all'impazzata lungo il vetro fino a quando trovò una fessura, entrò nella stanza e si gettò a capofitto nel piatto. Quando entrò nella stanza la mamma, vedendo la mosca nella pappa gettò subito tutto esclamando schifata “Immonde e inutili mosche sono dappertutto!”Quanto era lontana dalla verità. La vita di Mosca Rosa non era stata inutile, la bellezza e la bontà sono ovunque, basta saper osservare!



Favola di Tardy, fiducioso piccolo lombrico




C'era una volta Tardy, un piccolissimo lombrico verde smeraldo. Mamma lombrico Lucy e papà lombrico Goin lo adoravano ed erano orgogliosi del figlioletto che dimostrava indipendenza e curiosità.“Mamma guarda come è grande il prato!... Papà, posso salire sull'albero?....“Tesoro, gli rispondeva la mamma, il mondo è anche più grande” “Non ti allontanare, potrebbero farti del male. Attento agli uccelli, alle rane, agli uomini.”Raccomandava il papà. Ma Tardy si sentiva invincibile, voleva conoscere, esplorare, vivere in pieno la propria vita. Strisciava su di uno stelo d'erba e dondolando gridava felice “Mamma guarda come sono forte, riesco a piegarlo!” Mamma Lucy scuoteva il capo e sorrideva. Tardy aveva un desiderio, voleva volare! Speranzoso si sdraiava sul terreno e invidiava il volo degli uccelli nel cielo. Un giorno di primavera, mentre la mamma e il papà erano indaffarati a rendere il prato fecondo, Tardy si arrampicò sul gambo di un girasole, il percorso era pò ruvido ma, impavido, salì fino a raggiungere la corolla poi, esausto, si riposò. Era felice, si godeva il caldo sole. Ad un tratto un' ombra scura lo coprì: un grosso merlo nero lo sovrastava.”Vuoi fare un giretto con me?” Per nulla impaurito Tardy rispose “Certo, è il mio sogno!” Il volatile intenerito dalla fiducia di Tardy, delicatamente lo prese nel becco e se lo posò sul collo, raccomandandogli di stare ben attento. Lo portò su, sempre più su, nel cielo azzurro.Il grosso uccello non ebbe neppure la tentazione di divorarlo, tale era felicità di Tardy e poi... la fiducia va ripagata!


Tommaso la peste



Sono chiuso nella mia stanza, in castigo. Che ho fatto? A quanto pare sbaglio sempre!
Per punizione ho televisione e play station requisite, di computer neanche l'ombra, sento i miei genitori che discutono a voce alta “La colpa è tua!” “No tua, lo hai viziato” “E' proprio figlio tuo!” “No, è come tua madre.”
Non sono viziato, sono solo sincero, amo lo sport, non mi piace studiare, faccio solo il necessario e odio l'insegnante di matematica.
Mi presento: sono Tommaso e ho dodici anni. Frequento la seconda media, ho una sorella più grande di me, sedici anni, che si atteggia a miss e mi sopporta a malincuore.
Non posso entrare nella sua camera, parlare con le sue amiche, non posso leggere il suo diario personale e quando ha “le sue cose” è meglio starle alla larga, praticamente sempre!
Forse ha ragione, l'ultima volta che sono entrato nella sua “tana”, negli ombretti ho messo un pizzichino di pepe ben macinato. Non volevo farle del male ma è così odiosa quando sta ore intere davanti allo specchio a truccarsi. Non sopporto la mamma che la guarda e sussurra “E' proprio bella” e papà di rimando “Assomiglia a te !”
Mai che guardandomi dicano “Che bel ragazzo! Diventerà importante... no, mai! Io che non sono né grande né piccolo, la voce che sta cambiando e sembra un trombone e, come se non bastasse, quattro peletti sul mento e un incipiente inizio di foruncolosi sulla fronte!
Ho le braccia troppo lunghe e magre, le gambe idem e ricoperte di peli neri e ispidi. Ho chiesto a mia madre come depilarmi, lei è svenuta!
Comunque mia sorella si è sparso quell'ombretto sulle palpebre ed è ...andata a fuoco.
E' finita al pronto soccorso e sembrava “la cieca di Sorrento”, non ha tolto per giorni gli occhiali da sole! Io? In punizione per un mese intero,
Adesso eccomi di nuovo rinchiuso. La mia colpa? La prof. di matematica Anselma Dibotte è finita in congedo permanente, la classe però mi ha nominato eroe dell'anno.
Vengo ai fatti: compito di verifica di algebra. Noi alunni non eravamo d'accordo, anche Rimaggio, il più bravo ed antipatico della classe era dalla nostra parte, lo mandammo a parlare con l'odiosa, si la prof, ma non volle sapere nulla, il giorno dopo compito! Che potevo fare se non aiutare la classe e me? Proprio durante il compito, quando la prof è uscita (come al solito alle dieci, con matematica puntualità) per andare al bagno, io l'ho seguita e ho bloccato dall'esterno la porta. La poveretta è rimasta prigioniera per un buon quarto d'ora, fino a quando il bidello l'ha liberata, trovandola in preda ad un attacco di claustrofobia. Quando il preside ha minacciato di sospendere tutta la classe io, da gentiluomo, mi sono addossato la colpa. Certo la mia popolarità è aumentata all'inverosimile, ma sono stato sospeso con obbligo di frequenza (e ti pareva) .
Lo scherzo è riuscito, il compito non lo abbiamo fatto ed è arrivata una nuova insegnante, davvero carina.
La cosa che più mi rode è stare chiuso in casa, non posso fare nulla se non studiare e leggere. Il tempo non passa mai, uffa!
Stasera però c'è un diversivo abbiamo ospiti a cena, il capoufficio di mio padre. Mia madre è indaffarata a cucinare e pulire la casa “vuol fare bella figura”.
Tommaso, Tommaso, vieni che ti devo parlare!”E' mia madre, ci sono novità!
Mi guardo allo specchio, mi strofino gli occhi come se avessi pianto, indosso la maglietta nera, quella extralarge che mi fa sembrare un rifugiato politico morto di fame e di stenti e vado.
Tesoro ma che hai agli occhi? La congiuntivite? E perchè sei così malandato, domani ti porto dal pediatra!” mi dice.
Mi viene il dubbio di aver esagerato, l'abbraccio, mi dispiace vederla così afflitta per me.
Stasera devi proprio fare il bravo, a cena c'è il superiore di tuo padre. Verrà anche la figlia, Maddalena. Visto che tua sorella non sarà in casa, sarai tu a farle compagnia!”
Mamma non sarà mica quella grassa come una botte, gli occhiali spessi che la fanno sembrare una talpa, l'apparecchio in bocca che quando parla ti lava la faccia con i suoi spruzzi di saliva? Se è lei piuttosto scappo di casa .“
Non farai questo a tuo padre, in fondo ti chiediamo solo un piccolo sacrificio, non la devi sposare.”
Mi dice con occhi supplichevoli.
In cambio ti ridò la play station e ti abbuono due settimane di castigo!”
Facciamo tre, rispondo subito,Maddalena non è solo brutta è proprio st...si va bene non dico parolacce, ma tu sai che è vero!” Acconsente e mi dà un bacio
Ok, ho promesso che farò il bravo ma quella proprio non la sopporto, non la vedo da almeno due anni, sicuramente è peggiorata, se possibile!
Mi ricordo che aveva paura delle lucertole, esco di corsa dalla mia camera e mi fiondo in giardino, che c'è di male se le permetterò di fare amicizia con queste tenere bestioline?
Riesco a prenderne delicatamente una, la metto in uno scatolino lungo da bracciale, faccio dei buchini per l'aria e infiocchetto il tutto.
Sono le nove di sera, fra poco arriveranno gli ospiti, ho fatto la doccia, ho indossato la camiciola di lino bianco e i jeans scoloriti. Mia madre sistema la tavola, i fiori, si occupa del cibo, mio padre mi ha fatto una ramanzina “Ti raccomando comportati bene, è importante. Non fare scherzi e sii gentile con Maddalena!”
Annuisco con poca convinzione, eppure lui mi conosce bene, lo sa che sono spontaneo e dico e faccio quello che ritengo opportuno, al di là di qualsiasi ripensamento.
Suonano al portone, mia madre si dà una sbirciatina allo specchio e va ad aprire...
Accomodatevi pure, Maddalena come sei bella, la sento dire e fremo, è sempre lei, falsa e opportunista, gli adulti sono tutti uguali,Tommaso caro vieni a far compagnia a Maddalena.”
Mi chiedo perchè proprio io debba sacrificarmi.
Arrivo di malavoglia e vedo di spalle la strega, devo dire che è dimagrita ed è allungata e di parecchio pure...si gira e rimango a bocca aperta: una fantastica ragazza si volta a guardarmi, ha un bellissimo sorriso, dei lunghi capelli neri e sembra anche molto più grande della sua età. Mi accingo a stringerle la mano ma...ecco da dietro spuntare la strega, lo dicevo io... non era possibile la trasformazione da bruco in farfalla, neanche si fosse operata per un totale restyling.
Già lei è Laura, la nuova compagna del capo di mio padre, un vero sogno proibito, Maddalena mi fa ancor più pena, bruttina, triste e sola a fare da contralto a quella bellezza mozzafiato che ha preso il cuore del suo papà.
Ho nella mano lo scatolino con la povera lucertola, quasi quasi lo do alla femme fatale, l'antipatia è scattata subito. Prendo Maddalena per mano e la porto in un angolo del giardino.
Come stai Maddalena?” mi guarda stranita, nell'ultimo incontro le ho fatto uno scherzo non da poco, le ho proposto di giocare a nascondino e mentre lei cercava un nascondiglio, io me ne sono andato con i miei compagni, lasciandola sola ad aspettare che la trovassi. Ma oggi è diverso, oltre ad essere irrimediabilmente brutta è molto abbattuta, questo non per colpa sua.
Lo vedi, mi risponde additando il padre che ha occhi solo per quella fatalona, non esisto più, se morissi sarebbe felice. Lei ha calamitato tutta l'attenzione. Mio padre non mi chiede neppure cosa faccio a scuola, se sto male si infastidisce, potrei rubargli del tempo. Mia madre deve sempre sollecitare i nostri incontri, se fosse per lui ne farebbe volentieri a meno.”
Senti Maddalena, che ne diresti di farle un scherzo terrificante? Sei d'accordo?”
Si Tommaso, facciamogliela pagare, la mia vita è un inferno. Un giorno l'ho sentita dire al telefono che mi deve togliere di mezzo, in poche parole mio padre deve dimenticarsi di me e lei farà di tutto per riuscirci”
Mia madre ci chiama per la cena, faccio in modo di sedermi accanto alla bellissima donna, proprio durante l'antipasto prendo lo scatolino e piano piano libero la lucertolina che finisce sul vestito della commensale.
Inizia ad urlare, si alza di botto e una serie di bestemmie e improperi esce dalla “delicata” boccuccia rosso fuoco.
Sei stata tu piccola vipera, io ti ammazzo, ti rinchiudo in un convento...” e via di questo passo. Il capoufficio di mio padre cerca di rabbonirla. Ma quella è una iena, tutti la guardiamo a bocca aperta, sembra una pazza, ha gettato la maschera. Ad un certo punto si alza e, senza salutare, va via sbattendo la porta. Maddalena si avvicina al padre e lo abbraccia, il poveretto è come tramortito..
La serata finisce subito dopo.
Io vengo rimandato in castigo da mio padre, dopo un poco mia madre sale in camera e mi chiede come sono andati i fatti. Le racconto tutto, mi abbraccia e...
Questa volta forse hai fatto bene, quella era un'arpia. Povera Maddalena!”
Alcuni giorni dopo mi arriva un messaggio al telefonino: è di Maddalena.
Grazie Tommaso, mio padre ha mandato via di casa quella donna...forse i miei torneranno insieme, forse. Grazie mio eroe! : )
Sono felice, forse non sono poi così pestifero!





sabato 18 ottobre 2014

Trovato uomo ...libero possibilmente

Concetta Crocefissa  è tornata
Concetta Crocifissa in Scarpata è tornata. Dopo le disavventure di Cercasi uomo... libero possibilmente, nate in seguito alla separazione dal marito e dalla necessità di rifarsi una vita, Concetta, Kat, Ket, Cettina, Katy – il soprannome cambia in funzione dello stato d’animo del momento – torna con questo nuovo libro per raccontarci le sue nuove disavventure per conquistare e sedurre day by day, in maniera decisamente fantasiosa e creativa, il suo compagno.
Così, coadiuvata dalle immancabili amiche del cuore, Kat non esita a lanciarsi a capofitto e con grande entusiasmo in nuove esperienze, le più diverse, con l’obiettivo di trasformarsi in una irresistibile bomba sexy.
Ovviamente, e chi ha già letto le avventure di Concetta lo sa bene, una cosa sono i buoni propositi e un’altra è la realtà, sovente costellata, se così si può dire, da una serie di tragicomici effetti collaterali che la portano a diventare una habitué dei Pronto Soccorso.
Così, in un serrato crescendo comico, un’autentica valanga di risate travolgerà il lettore prima di un gran finale a sorpresa scoppiettante e decisamente imprevisto quanto imprevedibile.

Nuccia Isgrò, docente di filosofia e scienze sociali in un liceo siciliano, da sempre accanita lettrice, recentemente ha scoperto la propria vocazione per la scrittura umoristica ottenendo con le sue opere ottimi consensi di pubblico e di critica. Con Festina Lente Edizioni ha pubblicato: Cercasi uomo... libero possibilmenteRicordi di viaggioIl cucinaccio.

C O M E   P R E N O T A R E   L A   P R O P R I A   C O P I A
Per prenotare la propria copia del volume:
1) cliccare sulla scritta "Prodotto non disponibile. Clicca per essere avvisato quando sarà disponibile" che appare nella scheda tecnica subito dopo l'indicazione del prezzo di vendita
2) scrivere il proprio indirizzo e-mail nel campo che appare nella nuova pagina che apre
3) cliccare sul pulsante verde posto a lato recante la scritta "Prodotto non disponibile. Clicca per essere avvisato quando sarà disponibile" per salvare l'inserimento del proprio indirizzo e-mail.
A libro pubblicato chi si è prenotato riceverà una mail che lo avviserà dell'avvenuta pubblicazione del libro.

venerdì 10 ottobre 2014

Fragile

Fragile come fiore piegato dagli elementi.
Fragile come ali di farfalla al vento..
Fragile il tuo amore tra le passioni dei giorni.,

simile a scintilla di fuoco uccisa da gocce di rugiada.

venerdì 18 luglio 2014

Sarò


Sarò vento che scompiglia i tuoi pensieri,
soarò pioggia che monda i tuoi peccati.

Sarò sole che asciuga le tue lacrime,
sarò gambe che ti portano lontano.

Sarò bocca che articola le tue frasi,
sarò orecchi che ascoltano le tue parole

Sarò cuore che palpita ai tuoi baci,
sarò corpo inerte da stringere al petto.

Sarò futuro senza alcuna remora,
sarò ricordi che svelano il passato.

Sarò zingaro errante per le vie,
sarò stanziale come radici nel terreno.

Sarò prodigo o sarò oculato,
sarò amante appassionato o platonico innamorato.

Sarò ciò che tu vorrai

se mi chiami amore.

venerdì 2 maggio 2014

Nostalgia


E' un giorno di struggente nostalgia.
Vorrei poter tornare
a tempi ormai andati.
Risentire voci conosciute,
carezzare volti amati,
ricucire strappi mai rattoppati,
dire ancor "Ti voglio bene"
e in un ultimo abbraccio
fare riserva d'amor.

sabato 12 aprile 2014

Oggi

Oggi
Passa inosservato, l'oggi.
Ti coglie la consapevolezza del vissuto
solo quando è passato.
Ma l'oggi è prezioso,
composto da milioni di attimi
danno senso alla vita.
Oggi amo, accarezzo,sogno,
oggi vivo, piango, consolo,
oggi abbraccio, lavoro, agisco.
Oggi,oggi,oggi,
da ripetere all'infinito
perchè solo così
oggi sono vivo!

lunedì 31 marzo 2014

Ho paura

Ho paura del buio 
che fagocita le mie certezze.
Ho paura del futuro
che ingigantisce i miei dubbi.
Ho paura dell'amore che colma la mia vita,
se un giorno finisse
non saprei farne a meno.
Ho paura del tempo che scorre
perchè indebolisce il mio corpo.
Non ditemi "Non temere"
non è giusto!
Non darei valore a ciò che vivo.

domenica 23 marzo 2014

Un oggetto è solo un oggetto

Un oggetto
è solo un oggetto,
può darti emozioni,
lacrime,
gioia,
può essere legato
a ricordi
di persone amate,
di periodi intensi...
Ma un oggetto
è solo un oggetto..
Se una mano estranea
te lo ruberà,
avrà portato via un oggetto...
Ma rammenta
un oggetto,
è solo un oggetto.
Il ricordo alberga
nel cuore,
nei sensi,
nella mente...
e quello.
nessuna mano,
per quanto
violenta
anonima
cattiva,
te lo strapperà.

In un giorno un po' così

Un giorno un po' così
genera strani pensieri.
Li rincorri,
li vuoi capire...
Ti accorgi, poi
che sfuggono
alla razionalità.
Sono pensieri vaganti,
non vanno compresi,
fan parte della vita
dove l'ignoto
rimane tale.

venerdì 31 gennaio 2014

Il foglio bianco

Un foglio bianco non fa paura,
è passato da ricordare,
futuro da immaginare,
presente da raccontare.

lunedì 6 gennaio 2014

Se

SE

Se mi soffermo improvvisamente
e un sorriso aleggia sulle labbra mie...

Se guardando un fiore
il profumo mi inebria e una lagrima sgorga...

Se volgendo lo sguardo al cielo
il pensiero ringrazia Dio...

Se avvertendo le braccia vuote
sconsolata mi abbraccio il corpo...

Se al sol che sorge
grata rivolgo il viso perchè lo scaldi...

Se concitata descrivo,
racconto, mimo, rido, mi commuovo.....

Se il cuore aumenta i battiti
come fosse in corsa....

allora... è alla realtà della vita tua
che penso
amore mio.





Sapevo

Sapevo

Sapevo che c'eri
quando ali di farfalle
sfioravano il mio ventre,
e quando il cuore
mancava di un battito
al pensiero
di un eventuale te.
Sapevo che c'eri
quando inaspettate salate lacrime
commuovevano il mio spirito,
o quando il seno turgido
sbocciava sotto le vesti.
Sapevo che c'eri
quando improvvise voglie
adulavano la mia gola,
e spingevano
per essere esaudite.
Sapevo che c'eri
quando le forme morbide
trapelavano sotto i miei abiti.,
svelando nuova linfa.
Ora, sei tu la mia alba
il mio tramonto,
i miei occhi,
i miei orecchi,
il mio tutto.
Nulla più manca
nel mio universo
sei... il mio inno alla vita!







Ricordami

Ricordami

Ricordami nell'amore,nella gioia,
nella tenerezza, negli abbracci,
nella condivisione quotidiana degli affanni..
Dimenticati del dolore,
dei corridoi asettici degli ospedali,
dell' inutile speranza che mi ha ancorato alla vita.
Vivi non sopravvivere,
gioisci anche per me.
Non sarai mai sola...
Se un alito di vento
ti accarezzerà il volto,
se un raggio di sole
ti scalderà il corpo,
se un sussurro avvertirai all'orecchio,
non temere, sarò io!
Il tuo passo andrà all'unisono col mio.
il tuo braccio sarà sorretto,
il tuo cammino protetto,
io ti sarò accanto, sempre.
...E se bramerai di rivedermi
osserva il volto dei nostri figli
in loro ritroverai me.



A Ciccio