mercoledì 21 dicembre 2016

Un vuoto nel cuore

Lo senti?
Ho un vuoto nel cuore
invano di riempirlo cerco
aggrovigliando immagini,foto, parole
ma, quel vuoto, tale rimane.
Saprei bene come colmarlo...
con la tua mano che m'accompagna,
con le tue parole che mi sussurrano agli orecchi,
con le tue braccia che mi stringono
 e mi fanno sentire figlia...
Lo so, impossibile rendere tangibile
chi più non c'è,
e allora m'accontento.
Chiudo gli occhi,
intensamente ti penso
e ti rivedo,
il vuoto si riempie d'amore.
Dovrò essere forte,
farne tesoro
fino a quando la realtà
prenderà il sopravvento.
Nuccia

Al mio papà.

lunedì 19 dicembre 2016

Odio



Orrore,sangue,dolore,
si rinnovano in strade festose.

Forse fa male  gioia altrui
o è cuore indurito che agisce?

Follia disumana
colpisce innocenti vite.

Lacrime inutilmente versate
distruggono mondo.

Odio scorre in vene umane
porne fine sarà compito d'amore?

Nuccia



Foto dal web 




venerdì 16 dicembre 2016

Parlarti d'amore

Vorrei parlarti d'amore.
M'accingo a vergare parole,
ma son solo inutili segni neri,
 su foglio estraneo,
non parlano di vita.
A te  m' accosto,
prendo la tua mano
l'adagio  sul mio cuore...
Senti?
Ogni battito t'appartiene,
è amore.

Nuccia



foto dal web



lunedì 12 dicembre 2016

LA RIVOLTA DEI BABBO NATALE



"Mi chiedo cosa ci sto a fare qui appeso. Sembro un ladruncolo pronto ad entrare negli appartamenti. Mi vergogno davvero. Un piede al primo scalino, il secondo a penzoloni, le mani avvinghiate alla scaletta. A distanza di anni non ho ancora capito a che servo. Ho deciso, quest'anno non ci sto. Io devo aiutare i bambini, portare regali, non dare tristezza. Poi, non sopporto  assolutamente Luigino che con gli amici mi tira le palle di neve nella schiena. Stavolta mi ribello, mi sgancio ed agisco".
A pensar così era un Babbo Natale appeso ad una scaletta di legno sulla ringhiera del balcone del terzo piano. Ogni anno, ormai ne erano passati almeno sei, la signora Rosa lo toglieva  dallo scatolone e i9n previsione delle feste natalizie,  lo appendeva fuori, alla ringhiera. Ultimamente era un po' spelacchiato, si sa l' inverno fa di questi scherzi,  allora aveva deciso di ornare il cappello rosso con delle lucine. Non sapeva, la poveretta, che Babbo Natale ogni volta aveva paura di bruciarsi, e, quando tutti dormivano, svitava qualche lampadina, quella più vicino al naso. La signora Rosa si chiedeva  "Ma perché  non funziona tutto l' impianto?" Pazientemente cambiava luci, fino a quando, stanca dinanzi al ripetersi della situazione, lasciava perdere e il piccolo Babbo Natale respirava di sollievo. Ma il Natale del 2016 sarebbe stato diverso. Era ora di reagire!  Il piccolo Babbo Natale si era accorto che un altro compagno di "sventura" era stato appeso al balcone del quarto piano. "PSS ehi… Babbo Natale, guarda in basso sono al terzo piano. Si  proprio quaggiù"

"Ciao, anche tu in bella mostra?"
"Bella mostra al freddo e al gelo?  Tu sei nuovo, non penserai davvero che sia bello star qui? Quest'anno scappo, non voglio fare questa vita. Vuoi venire con me?"
"Magari… ma come faccio. Anche se sono appeso da poco, mi sono già stufato!?"
"Facile, stacca prima una mano, poi l'altra, lasciati cadere. Tranquillo non ti farai male, la plastica difficilmente si rompe. Guarda me, no, anzi, aspettiamo la mezzanotte, quando in giro non ci sarà nessuno e poi agiamo.”
“Va bene compagno, ora riposo un po'… a più tardi".
Trascorse anche il pomeriggio, nel frattempo il prode Babbo Natale non era stato con le “mani in mano”. Ad un passerotto che si era posato sul suo cappello rosso  aveva chiesto aiuto, in cambio gli avrebbe dato  un po’ di lana bianca per riscaldare il nido. Gli aveva chiesto di raccontare ai Babbo Natale appesi ai balconi del paese che quella stessa notte ci sarebbe stata la rivolta. Il luogo dell 'incontro davanti al portone principale  della chiesa. Giunti lì avrebbero deciso il da farsi.
Passerotto aveva eseguito l'incarico, era volato da un balcone all'altro, aveva condiviso con tutti il piano e in cambio aveva ricevuto  una bella scorta di lana.
A mezzanotte in punto i Babbo Natale si lasciarono cadere dai balconi. Ovunque si sentiva “Puff, puff”. Erano loro che precipitavano nella neve , poi in fila indiana si dirigevano al luogo dell' incontro.
Alcuni cani, al loro passaggio, abbaiavano sorpresi da quell'insolita processione.
Un ubriaco, vedendoli, si era inginocchiato e rivolgendo lo sguardo al cielo aveva esclamato “Lo giuro non berrò neppure un goccio da ora in poi…questo è troppo!” Ed era scappato a gambe levate.
Alcuni gatti randagi, invece, si erano accodati ed insieme a quei pupazzi rossi avevano allungato la fila che si andava ad ingrossare ad ogni palazzo. Infatti i Babbo Natale appesi, si lasciavano cadere nella morbida neve. Giunsero così davanti al portone della chiesa, tutti si zittirono per ascoltare il Capo indiscusso di quella rivolta, il quale si fece avanti, si posizionò proprio sul sagrato, dove tutti avrebbero potuto sentirlo.
”Cari amici, noto che siete proprio numerosi. Bene, meglio così. Come forse la maggior parte di voi sa, lo stare appeso ai balconi non ci rende onore- (e i Babbo Natale assentivano con la testa)- freddo e gelo per cosa? Il nostro compito è allietare i bimbi, rendere sereni gli anziani  e i  senza tetto con la nostra presenza. Per questo propongo di dividerci in squadre: una parte di noi andrà al reparto pediatrico, ci metteremo accanto ad ogni lettino , un’altra parte alla casa di riposo, lo sappiamo che i vecchietti sono come i bambini. Un’altra  nelle case dei più poveri. La nostra presenza  porterà speranza… e  non dimentichiamoci dei clochard.  Anche loro hanno diritto al Natale!”
Un Babbo Natale aveva alzato la mano per parlare,
”Ma non dovremmo portare qualche dono?E dove lo prendiamo? Non abbiamo soldi!””
”Non ti preoccupare, chiediamo aiuto al papà di tutti i Babbo Natale!"
"Lo conosci,davvero?"
La meraviglia era generale
“Certo,  so io come contattarlo. Voi aspettatemi.”disse
Il piccolo Babbo Natale si recò sul retro della chiesa dove c’era , lui  lo sapeva, una finestrella  molto piccola che lo avrebbe condotto all’interno.
Così fece, riuscì ad infilarsi dentro, si diresse verso l’altare maggiore dove un Gesù Bambino di porcellana dormiva nella mangiatoia.
S’avvicinò alla statua e iniziò a pregare con  fervore, adddirittura delle lacrime spuntarono dai suoi occhi di cristallo nero, gli parve di sentire il suo cuore battere forte…strano lui non aveva un cuore vero!
“Gesù Bambino, aiutami, non posso deludere chi crede in me. Devo aiutare chi soffre. Fa’ che abbia un senso il mio abito da Babbo Natale. Aiutami a trovare qualcosa da donare!”
Osservando il Bambinello gli parve che gli sorridesse. Si fece il segno della Croce ed uscì dalla chiesa.
Quale fu il suo stupore  quando davanti al sagrato si fermò un enorme camion da cui scese un signore dai capelli e barba bianca e, rivolgendosi proprio a lui, disse “Piccolo Babbo Natale  devo scaricare dei  doni, tu e i tuoi amici potete aiutarmi?”
“Certo!!!” risposero centinaia di voci…e così ogni piccolo Babbo Natale ebbe un sacco da trasportare sulle spalle. Grande era lo stupore: i sacchi erano proprio grandi e colmi di dolciumi o giocattoli ,  ma i piccoli  Babbo Natale riuscivano a trasportarli con facilità.
Ognuno di loro, col prezioso carico sulla spalla  si avviò verso il posto prescelto.
 La mattina dopo,  tanti doni vennero trovati dai bimbi ricoverati nell’ospedale, dagli anziani accanto ai propri letti, dai barboni che dormivano per strada, nella case più povere  e vicino  vi era sempre un pupazzo vestito da Babbo Natale.
Per giorni nel paese si parlò della scomparsa dei Babbo Natale dalle ringhiere  dei balconi  ma, ebbe maggior risonanza, il miracolo dei  doni ricevuti dai bambini, dalle persone più tristi,  sole e bisognose.

Nuccia


domenica 11 dicembre 2016

Visitando Bologna

Nelle vie di Bologna
non solo voci
di indaffarata vita,
se presti bene orecchio
un canto ti par di sentire...

"Santi che pagano
il mio pranzo
non ce n'è
sulle panchine
di Piazza Grande"
Non lascia vuoto
di sé un luogo
chi tanto amato ha.
Lui, come tanti grandi,
la sua anima
alle piazze
e ai sampietrini
di Bologna
ha donato
Nuccia

Immagine dal web

martedì 6 dicembre 2016

martedì 29 novembre 2016

Partenza

.. e il silenzio  si  espande,
vuoto intorno
braccia  prive di vita
cuore dolente.
Così mi lascia
ogni partenza.
Nuccia

sabato 26 novembre 2016

I fici scialari


Sono il Presidente di una squadra di calcio di categoria....ultima, praticamente. Ho iniziato questo mio impegno con una gioia, un entusiasmo che non riesco neppure a descrivervi. Dal momento della mia nomina, un solo pensiero in testa: cosa fare per la mia giovane squadra!
Lo confesso non è che abbia tanta esperienza...ma insomma che ci vuole?
Ci vogliono i ragazzi per la squadra, e questi ci sono, divise, le ho ordinate, il medico e va bé qualche amico lo trovo, l'allenatore, anche qui un amico...., il pulmino? No, le auto private bastano!. Un vicepresidente? Pregherò qualcuno...giurando che non dovrà versare soldi.
La cosa più importante mia moglie Lucia: avrà finalmente un incarico: moglie, accompagnatrice, sostenitrice del Presidente!
Mi sento gasato, la prima partita domenica prossima, certo un paese piccolino dell'entroterra messinese, dovremo viaggiare per Km, forse 100 , ma chi se ne frega...l'entusiasmo alle stelle!
Certo a ben pensarci, non è che sia tutto a posto... Allenamenti pochissimi, anzi ad essere onesti solo uno, in vista della partita, le divise ? Non sono arrivate!!!
Il medico amico è talmente amico che probabilmente  non potrà essere dei nostri, causa un impegno improvviso. D'altronde lo capisco è un ginecologo, se non ha improvvise richieste  lui!!!
Ho chiesto a mia moglie la massima collaborazione, ricordo che tanti anni fa fece un corso di volontariato in Croce Rossa, quindi mi accompagnerà in campo per eventuali problemi. Ormai ho deciso!
Avrei deciso, lei non è d'accordo assolutamente. Piagnucolando mi ricorda "Lo sai bene che ho paura di un ago, davanti ad una ferita svengo! Non ho terminato il corso! Le uniche ferite che affronto sono le punture d'insetto!"
Io ho fatto l'uomo " Mi devi aiutare!"
 E davanti alle sue lacrime "Va bene ma almeno mi prepari una borsa con dentro tutto l'occorrente per un piccolo soccorso?"
Lei mi ha baciato con trasporto e subito si è messa all'opera, praticamente ha svuotato il nostro armadietto dei medicinali!! Mi chiedo, l'antinfluenzale perché lo ha  messo nella borsa?
Si avvicina sempre più il fatidico giorno, ho riunito i ragazzi in pizzeria per parlare di strategie e scegliere un nome per la squadra, non che non l'avessimo, ma vuoi mettere uno beneagurale?
  Ci sono tutti, sono davvero belli, sprizzano energia ed ottimismo! "
"Domani, esordisco, avremo la partita e stasera brindiamo alla nostra sicura vittoria" Segue un breve conciliabolo, abbiamo deciso che la nostra squadra avrà questo appellativo: I vittoriosi! Sono tutti d'accordo e iniziamo con i brindisi...
Uno per il Presidente...e vai!!! Uno per la moglie del Presidente! E sia....continuiamo fino all'ultimo dei giocatori. Ok ,sono solo birre, ma l'effetto lo lasciano, per cui ci raccontiamo barzellette e delle strategie neanche l'ombra, ci penseremo domani!
L'indomani mattina mi sveglio con un mal di testa atroce e fra mille aghi che mi torturano un pensiero sta per uccidermi: le divise. I giocatori non hanno divise!
Mi alzo di botto e chiedo consiglio alla mia amata Lucia. Lei tranquilla ci pensa un po' e poi come illuminata "Ricordo che  Don Pasquale, il padrone delle pompe funebri, aveva  una squadra di calcio, magari ha ancora le divise."
"Pompe funebri?" inorridisco, ma davanti all'ineluttabile  agisco.
Bevo un caffè, una doccia veloce e mi reco da Don Pasquale.
Nel suo negozio noto un po' di gente, aspetto e poi entro. Non vi nascondo che ho la mano in tasca e tocco "i gioielli di famiglia".
 Chiedo del proprietario e un tristissimo signore, non so se parente del trapassato o commesso,  con un cenno della mano mi indica il retrobottega.
Un sudore freddo scivola lungo la schiena, sono impaurito ma devo, ripeto, devo entrare.
Don Pasquale con un gran sorriso mi accoglie, mentre sta sistemando un morto nella bara. Io con gli occhi evito di guardare  il defunto e , come dicono i siciliani, taliando negli occhi Don Pasquale dico"Buongiorno Don Pasquale ho bisogno di un favore , solo lei mi può aiutare!"
"Ciao Stefano, ti muriu cacchidunu? A disposizione sempre!"
Stringo ancor di più le dita nella tasca, provocandomi un certo dolore.
"No grazie, Don Pasquale, avrei bisogno in prestito le divise della squadra di calcio che un tempo dirigevi. E' un'emergenza!"
"Ma certu Stefano, ora ciù dicu a me mugghieri, è na bona cosa, mi farai pubblicità"
A queste parole un campanello d'allarme mi suona nel cervello, ma i tempi sono sempre più ristretti e dopo dieci, no diciamo trenta minuti, la consorte di Don Pasquale mi porta uno scatolone con le sospirate divise.
Nel frattempo ho assistito ad almeno due "ricomposizioni di defunti", non è il meglio onestamente.
Torno a casa con lo scatolone, ormai è già ora di partire, chiamo i ragazzi della squadra, per fortuna due hanno messo a disposizione le proprie auto e in più c'è la mia. Ho chiesto a Lucia di preparare uno spuntino veloce per i giocatori. Onestamente m ha guardato in cagnescoe, pur accontentandomi,  mi ha urlato "Le mogli dei Presidenti viaggiano, vanno anche in America, io no!Devo solo preparare da mangiare, curare , sempre se lo farò, qualche disgraziato....Ti sembra giusto?"
Non ho il coraggio di guardarla e mesto mesto  prendo tutto e ce ne andiamo.
Abbiamo appuntamento ai caselli dell'autostrada. Sono tutti là. Appena arrivo mi sale un moto di mestizia, sembriamo la Banda Bassotti,  ognuno di loro indossa una tuta di colore diverso. Mi fanno tenerezza, per fortuna  abbiamo le divise, che ancora non ho visionato.
 Ci sistemiamo nelle auto, il medico non c'è, un parto improvviso. Per fortuna  ho Lucia, la mia infermiera, oddio poco volontaria ma speciale. In macchina recita il Santo Rosario sperando che nessuno si ferisca.
Dopo tre ore di viaggio arriviamo a Tusa. I ragazzi scendono dalle auto, si sentono rattrappiti,  uno  bisbiglia "Ma come c...o posso giocare? Ho le ginocchia distrutte dal sedile anteriore!" Poi mi vede e mi fa un cenno di Ok. Non è molto convinto  però.
Ci rechiamo negli spogliatoi. Apro lo scatolone e alla prima divisa inorridisco: colore nero con una striscia dorata sulle spalle con la scritta "In memoria di Don Fifì. Premiata ditta onoranze funebri Don Pasquale. Ricorda la vita non è eterna"
I ragazzi mi guardano, hanno lo sguardo allucinato.
Io non so che pesci prendere, con un groppo alla gola sussurro "Ma dai ragazzi è scaramantica, ci porterà fortuna. Se vinciamo porteremo un bel mazzo di fiori a Don Fifì"
Nessuno ride, io distribuisco maglie e calzoncini. Vi giuro che le afferrano con una faccia da "funerale". Ma non basta, mancano i numeri sulle spalle, cosa posso dire all'arbitro? M'inventerò qualcosa e preparo un elenco dei nomi... Ormai i ragazzi sono in fila, non sono proprio un bel vedere, sembrano pronti per un funerale di gruppo, faccio buon viso a cattivo gioco e dico " Ragazzi non è la divisa che fa il giocatore! Animo, mostriamo a tutti chi siamo. Vinciamo e dopo festeggeremo alla grande!"
Mi guardano, non sembrano convinti anzi, sono sempre più funerei.
E' arrivato il momento, bisogna scendere in campo. Ci segniamo e mandiamo una preghiera al cielo...
dopo urliamo tutti insieme "merda, merda, merda".
Mai grido fu più profetico.
Il Capitano è il primo a soccombere, dopo soli dieci minuti  di gioco i crampi lo atterrano definitivamente.
Lucia mi guarda con occhio sbarrato "Io non curo nessuno, m'impressiono." E se ne esce dal campo.
Resto solo in panchina, sto cercando di pensare in modo razionale, quando gli avversari segnano il primo gol.  Subito dopo replicano. Siamo proprio  nella m..., non abbiamo schema di gioco, fiato ed esperienza.Non voglio rigirare il coltello nella piaga, praticamente alla fine del primo tempo, tutti i giocatori della squadra avversaria hanno fatto un gol, tranne il portiere!
Lasciamo definitivamente il campo dopo quarantacinque minuti di gioco. Nessuno  ha il coraggio di rientrare dopo l'intervallo..
Negli spogliatoi  il portiere mi dice " A fan culo Don Fifì, io fiori non ne compro!" Gli accarezzo la testa e lo comprendo pienamente.
Dopo la doccia ed esserci rivestiti, ritorniamo a casa. In auto nessuno scherza.
Giunto alla mia abitazione dico a Lucia "Sai cara dovresti lavare le divise, le devo restituire domani."
Lei mi guarda con odio, afferra il ferro da stiro, me lo lancia e poi si chiude a chiave in camera. Mi toccherà dormire sul divano, dopo ...aver lavato le divise della squadra.
E' notte fonda quando finisco. Mi siedo sulla poltrona e un improvviso pensiero mi balena e mi fa nascere un sorriso." Abbiano perso ma "i ficimu scialari".
Mi sgorga una risata amara e mi accingo a dormire...forse.

Nuccia








giovedì 24 novembre 2016

SONO




Sono,
chi ti ha preso per mano
adagiato tra fresche lenzuola
per saziare la tua fame d'amore.

Sono,
chi ti ha aperto il
proprio cuore
alle tenerezza, ai segreti,
alla passione, al desiderio.

Sono,
chi ti ha donato il proprio grembo,
in cui il seme piantato
ha donato nuova linfa.

Sono,
la vittima del tuo destino,
la vita recisa da mani
che giuravano d'amarmi.

Sono,
il rimorso che non t'abbandona,
il ricordo sbagliato,
l'incubo delle tue tenebre.

Nuccia

martedì 22 novembre 2016

Anatomia del rispetto

Immagine dal web


SAGGIO FILOSOFICO
...Entrasti timoroso nell' aula,
i passi esitanti
come fossi sull' orlo dell'abisso.
Il corpo rigido
palesava i vissuti segni del rifiuto.
Gli occhi apristi sul mio volto,
rispecchiavano la tua anima.
Nel lago scuro della pupilla
lessi di guerra,
fame,
povertà,
dinieghi alla vita.

Decido di iniziare il mio saggio con pochi versi, nati dal cuore, alla vista di quel  ragazzo che entrò per la prima volta nella mia classe, cercando un luogo dove POTER ESSERE. Con un comportamento di chiusura camuffava il bisogno di attenzione, di accettazione,di  rispetto…
Il rispetto sembra di difficile realizzazione, troppo avvezzi a giudicare, condannare,fermarci alle apparenze eppure... importantissimo riscoprirne l’ importanza.
 Ma come nasce, da cosa nasce,come si "esercita” il rispetto?
Il rispetto nasce dalla "meraviglia."
Dalla meraviglia, proprio quella che, in fondo, ha dato vita alla filosofia. Facciamo mente locale, la meraviglia è lo stupore che coglie l' uomo dinanzi alla vita, alla natura, all' umanità.
Pensiamo ai  bambini, non hanno remore, barriere mentali, accettano tutto perché liberi dai  “legacci”  che rendono gli adulti sospettosi, insindacabilmente certi della propria verità. Dai bambini dobbiamo trarre esempio, dagli occhi meravigliati che guardano al nuovo.
Io m' incanto davanti a loro. Possono far domande se sono in grado di formularle, se son piccini cercano di conoscere con il tatto, il gusto,  utilizzano i sensi. L'adulto no, certo della propria esperienza si chiude a riccio e avvalendosi della pseudo conoscenza pregressa, pontifica e condanna, poche volte assolve. E’ un atteggiamento verticale in cui il rispetto indica autorità. Il vero  rispetto nasce dalla voglia di conoscere realmente ciò che ci circonda, dal desiderio di  formare nuove competenze scevre da “precostituzioni” assurde. Il rispetto permette di ascoltare gli altri, ascoltare si badi bene non semplicemente sentire. Un attento ascolto genera empatia, permette di entrare nei panni dell' interlocutore, riuscendone  così a cogliere le sfumature, il tono della voce, la prossemica, lo stato d'animo, ridando vita alla comprensione.
Come diceva il grande Hegel " il vero è l'intiero" e non le singole parti. Bisogna idealmente sommare il prima,il durante e il poi. Quando si riescono a cogliere le intime connessioni di un agire nasce il rispetto. Esso si manifesta con l 'accortezza verso l'altro, col desiderio di non ferire e con la consapevolezza e la profondità delle azioni. Si sente la necessità di accogliere l'altro senza bisogno di cambiarlo,  accettandone  pensieri, fede religiosa,costumi perché ha tutto il diritto di essere se stesso e di non snaturarsi.
Ma non bisogna confondere il rispetto con le buone  maniere,  esso è  diverso,  è un atteggiamento che riconosce il valore di una persona.
Immanuel Kant, nella  sua filosofia morale, sosteneva che” gli esseri umani devono essere rispettati perché sono un fine in se stessi e possiedono un valore intrinseco ed assoluto: la dignità”. Schweitzer , dottore,filosofo e Premio Nobel per la Pace, affermava che “bisogna accantonare la congerie di elementi che costituiscono il nostro pensiero e cultura, per rifarsi al primo fatto della propria coscienza, il più immediato, perennemente presente: la volontà di vivere. Solo da qui si può giungere a una visione ragionata del mondo, il rispetto per la vita.”
Diceva L. Ron Hubbard “Non c’è criminale la cui vita criminosa non possa essere fatta risalire a una perdita del rispetto di sé. E se dovessimo chiedere a quel criminale che cosa significa “perdere il rispetto di sé", sentiremmo inevitabilmente la risposta più pietosa che si possa immaginare: “un giorno ho scoperto che non potevo più fidarmi di me stesso”. Grandi riflessioni da cui scaturisce la mia…
Per me il rispetto è la mia volontà di essere riconosciuto dall’altro in qualità di essere vivente con diritto di dignità e libertà di decisione, atto condiviso, reciproco e  che si riproduce, dare rispetto genera rispetto.
Tutto l'universo dovrebbe vivere sotto l'egida del rispetto, innanzi tutto rispettare se stessi,  gli uomini, quindi le piante, gli animali, la Terra stessa, perché essa vive, respira,dona a piene mani, non va depredata, la renderemmo sterile, non dimentichiamo mai di  riconoscere nella natura la stessa forza che alberga in noi.
Rieduchiamo al rispetto i giovani attraverso il nostro esempio, perché sono gli adulti i primi promotori di un atteggiamento positivo condiviso. Rappresentanti politici, delle istituzioni tutte,  genitori, sono coloro che debbono, sottolineo debbono, essere esempi di specchiato rispetto verso il prossimo e ciò che li circonda. Solo così questo nobile sentimento tornerà a vivere nelle strade delle città, nelle case, nei rapporti tra gli esseri e nel nostro mondo si respirerà umanità.

P.S. Il ragazzo che “entrò timoroso nell'aula” ha conseguito la maturità liceale, ha tanti amici ed è un bravissimo rapper. Dalla conoscenza reciproca è nato il rispetto per cui tante mani si sono strette e prima  la classe, dopo l’intera scuola, si è trasformata in un abbraccio.



Nuccia Isgrò

venerdì 18 novembre 2016

Le mie ali

Le mie ali
sono la fantasia
non vedo il mondo reale,
di emozioni  posso vivere





Foto dal web

sabato 12 novembre 2016

Che avventura la vita!


Che avventura la vita,
te ne accorgi solo
quando ti fermi
a riflettere.
Nasci, ed inizia la battaglia
per affermare il tuo esserci.
Il tempo passa inesorabile...
Lotta dopo lotta
all'improvviso ti accorgi
che gran parte della tua esistenza
è trascorsa.
Ti vorresti fermare,
magari un po' esausta,
le forze non sempre all'altezza
poi, un pianto di neonato,
una manina che stringe la tua,
ti accarezzano il cuore,
comprendi che ancora la vita
ti riserva amore.


 foto dal web
 

giovedì 3 novembre 2016

E s'affacia sul mondo

...e s'affaccia sul mondo
fiducioso nella vita.
Lo guardo,
mi commuovo,
ne colgo i respiri regolari.
Lievamente gli carezzo  la manina
temo di fargli del male,
 quella nuova pelle
esige rispetto.
Gli osservo gli occhi socchiusi,
vorrei carpirne il colore,
lui li richiude
sulla luce del giorno .
Emette un sospiro,
forse rimpiange
il grembo materno,
in cui le voci ovattate
 sono ninna nanna,
e lui è al riparo dal male del mondo.
Si ripaga dalla naturale separazione
volgendo la boccuccia al pugnetto.
Lo mette in bocca,
succhia goloso le dita paffute,
come fossero novello ciuccio.
Appagato si quieta.
Che miracolo la vita!

A Davide
Immagine dal web

giovedì 27 ottobre 2016

Maschera


Sola allo specchio m’osservo
né pianto, né cicatrici sono visibili.
L’animo sfilacciato  nascosto da  un sorriso.
Improvvisa, mentre mi scruto,
s’affaccia il  patimento,
timoroso appare
perché gli altrui sguardi teme.
Come diga che irrompe le barriere,
il dolore a piene mani sgorga
cancellando la maschera felice…
E il volto si raggrinza,
come carta velina stropicciata
da dita inesperte,
 le rughe prendono sopravvento,
segnano guance, bocca, occhi e
lo sguardo si cela d’antica saggezza.
Non posso svelarmi,
scalpiccio alle mie spalle…
Ricompongo la maschera
che illude gli altri ma non me.
Nuccia

NONOSTANTE TUTTO





Rigiro tra la mani un anello… apparteneva a mia nonna, adesso è mio.
Mi capita, a volte, di prenderlo da una scatola in cui ho riposto oggetti a me molto cari che rappresentano le mie radici.
Oggi sul lavoro, ho avuto momenti di stress, quindi giunta a casa ho chiesto “conforto” ai ricordi più intensi.
Infilo l’antico anello al dito, ne accarezzo la pietra centrale, un piccolo rubino attorniato da una miriade di brillantini. Nonostante sia un gioiello del 1920, è ancora molto bello e la patina del tempo gli dona un’aurea di eternità.
Guardandomi la mano, mi sovviene alla mente il racconto della nonna materna, quando era una giovane donna e lei saggiamente mi diceva “ Vedrai, arriverà l’uomo giusto, lo sentirai subito, il tuo cuore mancherà di un battito. Ti donerà un anello che terrai con te tutta la vita e ti parlerà del suo amore.”
 Io naturalmente sorridevo, non le prestavo molta attenzione anche se adoravo questa nonna così romantica che, della sua saggezza mi faceva dono. Appena potevo le dedicavo il mio tempo.
 Un giorno, non lo dimenticherò mai, mi chiamò vicino a sé …
“Vieni tesoro, devo darti una cosa molto importante.” Disse la nonna.
Io mi sedetti accanto a lei … ultimamente la sua salute era più cagionevole, si ammalava facilmente. In casa la guardavamo tutti con trepidazione, nessuno voleva perderla, cercavamo di accontentarla e coccolarla.
“Dimmi nonna …” le dissi dolcemente.
“Vai nella mia stanza, apri il “baule” proprio in fondo c’è una scatolina. Prendila, per favore.”
Feci come lei mi chiedeva.
Trovai quanto voleva e glielo portai.
“Cara Nuccia , questa scatolina  racchiude tanto amore.” Sussurrò.
La aprì e mi fece vedere il bellissimo anello.
“Questo me lo regalò il nonno quando  diventai sua sposa. Sapessi quanti sacrifici per donarmelo!
Era da poco finita la prima guerra mondiale, soldi pochi e tanto dolore intorno. Nonno, che era stato un marinaio sommergibilista, era tornato dal conflitto e si era messo subito a lavorare come falegname. Eravamo vicini di casa, praticamente eravamo cresciuti insieme e quando era partito per combattere,  mi aveva promesso che sarebbe tornato sano e salvo, solo se io lo avessi aspettato.
Furono anni di miseria e terrore, poi per fortuna la guerra finì ed io e il nonno potemmo di nuovo stare insieme.  Come pegno d’amore mi aveva confezionato, prima di partire, proprio con le sue mani, un piccolo anellino di fil di rame promettendomi che appena avesse potuto lo avrebbe sostituito con uno d’oro.
Ma ti giuro cara Nuccia, a me non importava. Lo tenevo sempre al dito, anche se col tempo si era un po’appannato. Io allora lo toglievo e lo pulivo con il limone fino a farlo risplendere. Per me era importante.  In quel periodo nonno lavorava tantissimo, doveva sostenere economicamente anche la sua famiglia. Il padre era morto e doveva provvedere alle necessità della madre e della sorella più piccola. Potevamo vederci solo di sera,  dopo il lavoro. Alcune volte era talmente stanco che mi dava un bacio e si addormentava  sulla sedia, appoggiando la sua testa sulla mia spalla.
A me bastava averlo vicino, sentire il suo respiro accanto al mio, sognare di poterci sposare e avere una casa tutta per noi. Ma il tempo passava, soldi sempre pochi e il matrimonio si allontanava sempre più.
Un giorno di primavera, non lo scorderò mai, era appena tornato dalla falegnameria, gli abiti sporchi di segatura, mi aveva preso per mano  e portandomi in un angolo del giardino, lontani dallo sguardo  vigile di mia madre, mi aveva detto “Facciamo la “fuitina” soldi per la festa di matrimonio non ne abbiamo. Dopo ce ne andiamo  a casa di mia zia, ha una stanza libera, ce la darà fino a quando non potremo avere una casa tutta per noi. Ti prego, ti amo tanto!” Io innamorata e consapevole della povertà che ci circondava gli chiesi solo un favore, ne avremmo parlato alle rispettive famiglie, se loro fossero state d’accordo, avrei accettato anch’io. Fu così cara Nuccia, due settimane dopo, uscii da casa all’alba, era domenica. Era ancora presto, in giro nessuno, mia madre mi aveva baciato con le lacrime agli occhi, mio padre mi aveva abbracciato in silenzio e con la loro benedizione avevo raggiunto il mio amato che mi attendeva all’angolo della via. Avevo indossato l’abito della domenica, in testa un foulard di pizzo bianco, dono di mia madre, un mazzolino di  pratoline in mano, mi sentivo una sposa. Nonno aveva indossato l’unico vestito che aveva ed usava solo per le occasioni importanti. Ma eravamo felici…
Il mio amato mi prese per mano ed insieme andammo dal nostro  amico   e prete Carmelo. Entrammo nella sacrestia della sua chiesa, dove lui ci attendeva.
“Cari ragazzi benedico la vostra unione” ci disse segnandoci con l’acqua santa, e il nonno sai cosa fece ? Prese dalla tasca dei pantaloni un involucro avvolto nel suo fazzoletto. Lo scartò, lo aprì : era questo anello. Gli dissi meravigliata “Ma dove lo hai preso?”
“Tranquilla, disse vedendo  la mia faccia sbalordita, ho sistemato i mobili della casa di Don Ciccio, ogni sera dopo il lavoro e di domenica, ho lavorato per lui, in cambio mi ha dato questo anello. L’ho fatto  per mesi!” Mi prese la mano sinistra, mi tolse l’anellino di fil di rame e infilò il nuovo anello.
Vedi questo gioiello rappresenta, dedizione, fatica, passione, amore eterno. Sì eterno perché io e il nonno ci siamo amati davvero, per sempre. Solo la morte ci ha divisi. Ora lo dono a te.
Avevo conservato anche l’anellino di rame ma col tempo, a forza di pulirlo col limone l’ho praticamente disintegrato.” disse sorridendo e continuò…
“Quando ti sentirai sola, triste, sfiduciata, prendilo tra le tue mani, ricordati di noi nonni, di quanto ci siamo amati e quante difficoltà abbiamo superato. L’amore vero unisce non divide, supera non fugge, lenisce e non addolora. Un giorno lo darai a chi ami e racconterai di me, del nonno, della nostra povertà e di questo meraviglioso anello e nel ricordo saremo eterni…” Così dicendo me lo mise tra le mani e chiuse gli occhi visibilmente stanca.
Nonna morì qualche tempo dopo, ma questo anello mi fa ancora compagnia, perché non è solo un gioiello ma racconta una eterna storia d’amore.
Immagini dal web